Giornata Internazionale delle Donne

festa donna-3

Comunicato stampa
Giornata Internazionale delle Donne: il momento di agire è ora!

(Roma 8 marzo 2018): Time is now, il momento è ora! Il momento di cambiare la vite delle donne ovunque esse siano. Questo il motto scelto dall’Ente delle Nazioni Unite (UN Women) per celebrare la Giornata Internazionale delle donne.

“Per noi agire ora per trasformare la vita delle donne significa chiedere a gran voce la fine delle violenze di genere e dell’uso dello stupro come arma di guerra durante i conflitti” afferma Tibisay Ambrosini coordinatrice di Stop Rape Italia membro della International Campaign to Stop Rape and Gender Violence in Conflict1.

La violenza sessuale durante i conflitti rappresenta una strategia di guerra in grado non-solo di colpire la singola persona, ma di distruggere tutta la comunità. È un fenomeno sottostimato, poco denunciato a causa della stigmatizzazione a cui sono spesso sottoposte le vittime o della paura che queste provano nel denunciare personale in uniforme, ma la mancanza di denunce non significa assenza della violenza. Come riportato a seguito della recente missione in Sudan della Rappresentante Speciale del Segretario delle Nazioni Unite Pramila Patten la cultura della negazione alimenta la cultura del silenzio che molto spesso porta le vittime di questo crimine a non denunciare e a non cercare assistenza.

Questa tattica “terroristica” consiste nel mettere in atto un insieme di azioni e comportamenti che vanno dalle offese verbali di carattere sessuale allo stupro, gli stupri di gruppo, la schiavitù sessuale, la prostituzione forzata, le mutilazioni genitali, la sterilizzazione e le gravidanze forzate, l’inserimento di oggetti nelle parti intime delle vittime così come le uccisioni provocate da colpi sparati al loro interno, il tutto collegato direttamente o indirettamente ad un conflitto armato e al desiderio di annientamento psicologico e fisico del nemico.

“Lo stupro come arma di guerra è stato largamente impiegato ad esempio contro le donne della minoranza Rohingya, vittime due volte, per essere donne e per appartenere ad una minoranza. In molti casi gli stupri, anche di gruppo, venivano compiuti unitamente ad altri atti di violenza, crudeltà ed umiliazione, espressione di una vera e propria logica dell’annientamento, della pulizia etnica” prosegue Ambrosini.

“Purtroppo, questa tortura non risparmia neanche le bambine ed i bambini” afferma Giuseppe Schiavello direttore della Campagna Italiana contro le mine, associazione che ha curato l’avvio di Stop Rape Italia “la Siria purtroppo è un esempio di come gli abusi sui minori siano un’arma per umiliare, ferire e far pressione sui genitori considerati ribelli affinché si costituiscano o rilascino una confessione forzata. I bambini vengono trattenuti in centri di detenzione ufficiali e non, insieme agli adulti, dove avvengono violenze annoverate tra le “sei violazioni gravi” dal Consiglio di sicurezza dell’Onu. Del tutto insufficiente l’impegno internazionale per mettere fine a questo scempio.” conclude Schiavello.

Nella Giornata Internazionale delle Donne vogliamo essere la voce di tutte le donne, madri, mogli, figlie, che hanno subito e stanno subendo queste atrocità durante i conflitti. Raccontare le storie di chi ha avuto il coraggio di parlare. Donne nella condizione più vulnerabile, che hanno perso tutto anche il senso del futuro, che non solo non devono “essere lasciate indietro” ma a cui deve essere garantito accesso alle cure psicologiche e fisiche, ai servizi, alla giustizia comprensivo di risarcimento. Farlo è un prerequisito per la costruzione di un future in pace.

Per interviste
M. Tibisay Ambrosini 34971049619 t.ambrosini@campagnamine.org www.stoprapeitalia.it

1 –  La International Campaign to Stop Rape and Gender Violence in Conflict nasce nel 2012 dalla volontà della Nobel Womens’s Initiative una piattaforma composta da alcune Donne Nobel per la Pace (Jody Williams, Shirin Ebadi, Tawakkol Karman, Mairead Maguire, Rigoberta Menchù, Leymah Gbowee, Wangari Maathai, Betty Williams) per rispondere alla diffusione sistematica dello stupro durante i conflitti.